122018Lug
Cristiano Ronaldo: la psicologia di un supercampione

Cristiano Ronaldo: la psicologia di un supercampione

1 – BREAKING NEWS!

Notizia confermata: Cristiano Ronaldo è stato acquistato dalla Juventus. Si tratta di un evento epocale: sono decenni che i club italiani non vedono nelle loro file un fuoriclasse di questa portata. L’arrivo di CR7 rappresenta un rinnovamento per tutto il calcio italiano e un eccezionale ritorno d’immagine del nostro paese che verrà associato al nome di uno degli sportivi più famosi del mondo.

2 – CLAMOROSI MERITI CALCISTICI

Il 33enne campione portoghese, vincitore di cinque Palloni d’oro e di un’infinità di altri premi, nella stagione appena conclusa col Real Madrid ha segnato più di un gol a partita e si è rivelato decisivo anche per le sue doti di leader: qualità straordinarie che sembrano sfidare il tempo e si riflettono nelle prestazioni con la sua nazionale.

3 – UNA STAR DA TUTTI I PUNTI DI VISTA

Oltre a questi eccezionali meriti calcistici, Cristiano Ronaldo è anche un vero fenomeno mediatico per il lifestyle da divo hollywoodiano, per le sponsorizzazioni miliardarie e anche per la sua straordinaria attività di beneficenza: infatti è il calciatore più pagato al mondo e al tempo stesso il più generoso verso i poveri e i malati.

In questo articolo proviamo a far luce su alcune caratteristiche mentali di questo eroe del calcio.

4 – DONI DI NATURA E DURO ALLENAMENTO

“Vedo Cristiano allenarsi ogni giorno, si vede che vuole migliorare sempre di più (…) per quanto riguarda la professionalità, le motivazioni e l’ambizione, Cristiano ha un vantaggio rispetto a tutti” Roberto Carlos.

“Cristiano Ronaldo non è un talento naturale, ma è il risultato di un duro allenamento per migliorarsi”, Zlatan Ibrahimovic.

Statisticamente un attaccante dà il meglio di sé verso i 27 anni: invece Ronaldo sta migliorando i suoi standard di anno in anno, anche ora che ne ha 33.

5 – SUPERARE SE STESSI

In realtà non è un fenomeno nuovo, anche se è molto raro: avviene quando l’atleta non vuole solo raggiungere l’eccellenza e mantenerla, ma vuole anche migliorare continuamente il suo livello di eccellenza.

Un giocatore di questo tipo coltiva anzitutto una granitica fiducia in se stesso, effettua una scelta degli obiettivi in modo strategico (per esempio alternando obiettivi piccoli e motivanti a obiettivi grandiosi ma meno immediati) e, via via che li realizza, opera una costante ristrutturazione in positivo dell’immagine di sé.

6 – PSICOLOGIA DELLO SPORT ALLA JUVENTUS

Con i soldi spesi per Cristiano Ronaldo la Juventus avrebbe potuto comprare molti ottimi giocatori, ma certamente la società bianconera è stata attratta da CR7 anche per una certa affinità di impostazione mentale. Infatti, chi scrive ricorda come fosse ieri di quando il professor Giuseppe Vercelli, psicologo della Juventus, in una lezione magistrale spiegò: “Il mantenimento di per sé non esiste: esiste solo come conseguenza del miglioramento continuo, (…) un piccolo, costante, miglioramento continuo.”

Fonti:
https://it.wikipedia.org/wiki/Cristiano_Ronaldo
https://it.blastingnews.com/calcio/2018/04/cristiano-ronaldo-e-la-psicologia-del-campione-002478909.html https://www.foxsports.it/2018/03/30/messi-cristiano-ronaldo-chi-migliore/
https://sport.sky.it/calciomercato/serie-a/2018/07/10/cristiano-ronaldo-juve-ultime-notizie.html



Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *


+ 6 = 11