262019Jun
“Voglio esprimermi in gara così come faccio in allenamento!”

“Voglio esprimermi in gara così come faccio in allenamento!”

Ciao sono Lorenzo, un canoista di 18 anni. Mi succede spesso di affrontare le gare con un’ansia terribile e di non riuscire a esprimermi per quanto valgo o comunque sempre meno di quanto riesca in allenamento. È molto frustrante e mi domandavo se poteste aiutarmi. Grazie in anticipo!

Caro Lorenzo, benvenuto!

Per gestire correttamente il fenomeno dell’ansia nello sport sono state studiate moltissime tecniche e svariate strategie. Per quanto ci riguarda pensiamo sia utile applicare una serie di tecniche che possono portare gradualmente a un buon controllo dei fenomeni ansiosi, modificandoli e rendendoli un ulteriore strumento potenziante per l’atleta.

Innanzitutto crediamo sia molto importante aumentare la tua consapevolezza rispetto a questo fenomeno e questo è possibile fornendo agli atleti informazioni, istruzioni e delucidazioni sulle emozioni.

Procedura che può servire per chiarire eventuali dubbi o pensieri distorti rispetto al problema. Ad esempio, un atleta che sperimenta un elevato livello di ansia prima di una gara può ricevere istruzioni sul possibile impatto di questa emozione.
Questo serve ad aumentare la consapevolezza rispetto al fenomeno e quindi ad aumentare la capacità dell’atleta nel valutare il fenomeno che sta sperimentando.

Il passo successivo è l’applicazione di due strategie cognitive:

  • Uso del dialogo interno (self- talk): frasi parole e incitamenti positivi rivolti a sè stessi servono a ridurre il livello di ansia e tensione e a focalizzarsi su stimoli rilevanti e sulle proprie capacità.
  • Uso dell’immaginazione. La visualizzazione di immagini positive attiva emozioni appropriate e stimolanti, alimenta un senso di autoefficacia e migliora la visione delle aspettative future.

Tra le tecniche per la regolazione della componente fisiologica dell’ansia, possiamo usare il rilassamento progressivo, il training autogeno, l’immaginazione emotiva, l’ascolto di musica, ecc..

L’ansia come fenomeno psicologico non è né negativa né positiva: è semplicemente uno strumento che bisogna imparare ad utilizzare al meglio. Possiamo vederlo come una spada che di per sé è solo un oggetto, ma se siamo consapevoli del suo utilizzo e sappiamo padroneggiarla possiamo ottenere dei grandi risultati; se al contrario non siamo consapevoli della sua valenza allora possiamo anche tagliarci una mano da soli.

Tutto sta nel padroneggiare al meglio il fenomeno ansia e un buon allenamento mentale specifico è l’aiuto più valido per imparare a farlo.

Buon allenamento!



Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. Compilare i seguenti campi obbligatori: *


+ 5 = 9